Principio di cogenitorialità


Che cosa è la co-genitorialità?

Co-genitorialità è il termine dato alla situazione in cui due (o più) persone assumono il ruolo di genitori di un bambino, ma queste persone non sono in un matrimonio o relazione simile. Questa situazione può verificarsi quando, dopo un divorzio, i genitori accettano di avere pari responsabilità per l'educazione del bambino. Oppure riguarda due persone che vogliono avere un figlio, ma pur non essendo in una relazione possono decidere di avere un figlio con l'accordo di essere co-genitori. Ciò prende il nome di co-genitorialità elettiva.

Nel 1989 la Convenzione sui diritti del fanciullo ha enunciato il principio che un bambino ha il diritto di mantenere un rapporto forte con entrambi i genitori e da allora questo è diventato più di un diritto riconosciuto. In questi giorni sempre più persone stanno optando per co-genitore. Tuttavia per quanto difficili un divorzio o una separazione possono essere, i diritti dei minori sono più in prima linea nella mente delle persone rispetto al passato, e ci sono sempre più casi di persone che lottano per mettere le loro differenze da parte al fine di mantenere un buon contatto per il bambino. Allo stesso modo, in età moderna, dove avere un figlio "fuori dal matrimonio" non è più visto così male, molte persone scelgono l'opzione della co-genitorialità elettiva, magari con un amico di una vita che ha obiettivi di vita e filosofia simili, ma con cui non si condividono affinità romantiche.

un padre e figlia di co-genitorialità


Co-genitorialità è un termine che era praticamente sconosciuta, anche dieci anni fa, ma sta lentamente diventando più comune - sia come termine che come stile di vita. La sitcom I miei due papà del 1980 era un perfetto esempio di co-genitorialità, ma non è mai stato indicato come tale perché il nome all'epoca non era ampiamente utilizzato per una situazione del genere.

Anche se la co-genitorialità può aiutare ad alleviare il dolore che sente un bambino per la fine del rapporto dei genitori, e contribuire a garantire la stabilità in un momento di cambiamento, non è sempre facile. La co-genitorialità elettiva, proprio come la situazione di famiglie in cui si litiga tutti i giorni, sono situazioni in cui c'è la tensione di essere due unità separate, piuttosto che un nucleo familiare. Questo però non vuol dire che la co-genitorialità non può funzionare; ci sono numerosi casi in cui le persone hanno deciso di imboccare la strada della co-genitorialità e hanno avuto molto successo.

Co-genitorialità eterosessuale

Quando un rapporto si rompe, è difficile per tutti. Quando ci sono i bambini, di qualunque età essi siano, rende le cose molto più difficili. Combattere per la custodia, e rispettare accordi di affidamento congiunto, può essere faticoso e traumatico per tutti gli interessati. Se entrambi i genitori sono in grado di mettere le loro differenze dietro di loro e decidono di lavorare insieme per il bene del bambino, la co-genitorialità può essere davvero un ottimo modo per entrambi i genitori di continuare con il coinvolgimento diretto nella vita del bambino. È importante ricordare che, anche se il rapporto si è rotto, la famiglia che esiste come risultato di tale rapporto è ancora lì.

Co-genitorialità sembra essere la scelta di genitorialità di genitori maturi e lungimiranti che sono abbastanza saggi da capire che non importa cosa il loro ex partner ha o non ha fatto; il bambino è la parte innocente e come tale ha un diritto ad avere un rapporto completo e amorevole con entrambi i genitori. Questo approccio aiuta il bambino a passare attraverso la fine del rapporto con meno sconvolgimento. Essi potranno beneficiare della coerenza del loro rapporto con entrambi i genitori e si sentono sicuri, ma anche i co-genitori stanno dando il buon esempio di come gestire una situazione difficile e come risolvere i problemi. Decidendo di fare da co-genitori piuttosto che combattere per la custodia, parlando solo attraverso gli avvocati, i genitori stanno dando una preziosa lezione per il loro bambino sul modo responsabile maturo per affrontare una situazione.

Probabilmente la chiave del successo della co-genitorialità è per entrambi i genitori quella di concentrarsi sul bambino, piuttosto che su se stessi. Il concetto di separare i sentimenti dal comportamento gioca un ruolo importante qui - uno o entrambi i genitori possono sentirsi ferito, arrabbiato o turbato - ma questo non dovrebbe dettare il loro comportamento. Al fine della co-genitorialità per avere successo, è importante che le questioni tra gli ex-partner non siano trattate di fronte a, o attraverso, il bambino. Semplici tecniche come accettare di parlare sempre e solo di questioni riguardanti il bambino, o fare un ulteriore sforzo per ascoltare e dar prova di moderazione, può fare una grande differenza nei primi giorni di co-genitorialità, fino a quando i sentimenti e gli animi si sono stabiliti.

Nel corso del tempo, come le ferite guariscono, è molto probabile che il rapporto tra i due genitori diventa quella di amici, o almeno conoscenti amabili. La situazione può funzionare bene per entrambi i genitori in termini di condivisione della cura dei bambini, portarli a scuola, week-end, vacanze - ed è molto più flessibile di un accordo di custodia che detta giorni e orari specifici.

La cosa importante della co-genitorialità è di rimanere coerente tra i due genitori. Cose come l'ora di andare a letto, coprifuoco e compiti a casa dovrebbero essere concordati tra i genitori piuttosto che avere il figlio sballottato tra genitori con due serie di norme diverse: "Dalla mamma devo andare a letto alle 9, ma da papà alle 10" può essere fonte di confusione per un bambino di qualsiasi età e dimostra una mancanza di affidabilità e coerenza tra i due genitori. Se i genitori non lavorano per assicurare che presentano un fronte unito, essi possono scoprire che il bambino finisce confuso e insicuro, come se ci fosse stata una battaglia legale lunga e astiosa. Il bambino può anche imparare a mettere i genitori uno contro l'altro, o aspettare fino a quando sono con un particolare genitore prima di fare una certa richiesta.

Co-genitorialità omosessuale

L'omogenitorialità si riferisce alla co-genitorialità di lesbiche, gay, bisessuali o transgender (o LGBT). Questo può includere bambini cresciuti da una coppia dello stesso sesso, o da una coppia di sesso opposto in cui uno o entrambi i genitori sono LGBT.

Questa situazione può verificarsi in casi in cui la gente comincia una relazione dove già ha un figlio o figli da una precedente relazione, o con una coppia di sesso opposto che possono avere un figlio insieme. In alcuni casi, una coppia omosessuale può decidere di trovare un surrogato o donatore di sperma per consentire loro di avere un figlio insieme.

Per le persone omosessuali, diventare un genitore può essere molto più di una lotta che per le coppie eterosessuali. Oltre a problemi "normali" per quanto riguarda la fertilità o di idoneità, c'è lo stigma e il pregiudizio aggiunto coinvolti.

In alcuni casi, due coppie omosessuali possono decidere tra loro di allevare un figlio insieme. In questo caso un bambino è concepito tra due delle quattro persone, o adottato da quei due. I loro partner non sono ufficialmente riconosciuti come genitori. La società è ancora molto a disagio con ciò che è fuori della "norma" e l'adozione in questa situazione può essere molto difficile ed emotiva per tutti gli interessati. Ma la co-genitorialità è ancora molto popolare tra le coppie omosessuali perché permette loro di avere un bambino e di contribuire alla sua educazione.

A differenza della co-genitorialità eterosessuale, che nasce di solito come conseguenza della fine di un rapporto, la co-genitorialità tra omosessuali è spesso più elettiva. Questa coppia o coppie sceglieranno attivamente la co-genitorialità come il loro metodo preferito di genitorialità. Purtroppo, alcuni settori della società favoriscono ancora il vecchio modello di famiglia, e non sono d'accordo con questo nuovo modo di crescere i figli; tuttavia, come la Corte di Cassazione italiana ha stabilito nel 2013, non vi è alcuna prova scientifica per dire che una coppia omosessuale non sarebbe in grado, come una coppia eterosessuale di allevare un bambino. All'epoca, Flavio Romani, il presidente dell'organizzazione LGBT italiana Arcigay, ha detto, "è l'amore che educa un figlio o una figlia, non l'orientamento sessuale dei genitori."

Col passare del tempo, è probabile che la co-genitorialità omosessuale diventi più comune, poiché le coppie omosessuali che nelle generazioni precedenti avevano abbandonato le speranze di avere un bambino, ora decidono di avere un figlio. La società si sta allontanando dalla famiglia tradizionale ideale di 50 anni fa, e sempre più spesso si stanno diffondendo modi diversi di essere genitori. La co-genitorialità omosessuale è solo uno di questi.

Co-genitorialità congiunta

La dissoluzione di un nucleo familiare può essere incredibilmente traumatico per un bambino. È stato detto che in un divorzio "ben riuscito", i genitori possono divorziare tra loro, ma il bambino non è tenuto a divorziare da uno dei genitori. La co-genitorialità aiuta a colmare il divario tra una famiglia convivente e genitori divorziati.

Con le coppie eterosessuali, la co-genitorialità è spesso scelto come il modo migliore per mettere il figlio al primo posto dopo la rottura del matrimonio o relazione. È ampiamente proclamato come il modo migliore per garantire che i bambini rimangano sicuri dopo la rottura del rapporto con i genitori, e il modo più sicuro per ridurre al minimo i danni. È generalmente accettato che un figlio di genitori divorziati sarà meglio in grado di accettare il cambiamento se i genitori sono in grado di andare d'accordo. Co-genitorialità è spesso il modo migliore per garantire il minimo danno, quando entrambi i genitori sono d'accordo che il bisogno del bambino deve venire prima dei loro interessi.

Co-genitorialità può essere difficile per entrambi i genitori, soprattutto quando le ragioni del divorzio sono ancora fresche nelle menti di entrambi. Purtroppo, quando c'è un bambino coinvolto, lasciare che si calmino le acque per un paio di mesi non è un'opzione praticabile; il bambino vuole ancora - e ha il diritto - di vedere entrambi i genitori su base regolare. È importante per entrambi i genitori praticare autocontrollo e controllo in questa situazione. Può essere utile per i genitori stabilire alcune regole di base semplici, come ad esempio accettare di non dire cose negative sull'altro coniuge al bambino, e accettare di non esprimere rimostranze o disaccordi quando il bambino è presente.

Per funzionare al meglio, la co-genitorialità deve essere caratterizzata dalla cooperazione, coerenza, la comunicazione e il compromesso. È importante per i genitori ricordare questo al fine di pervenire a una co-genitorialità di successo; se la situazione si deteriora, e non sono in grado di cooperare, di essere coerenti, di comunicare o di raggiungere il compromesso, questo può rendere le cose più traumatiche per il bambino di quanto lo fossero mai state all'inizio.

Se i genitori stanno lottando per mantenere un'efficace co-genitorialità, la mediazione familiare può essere un'opzione più gradevole dei procedimenti giudiziari. La mediazione familiare incoraggia tutte le parti a sedersi insieme e prendere le proprie decisioni congiunte su come andare avanti. L'obiettivo non è quello di decidere di chi è la colpa di qualcosa, ma trovare una soluzione che sia il più piacevole possibile per tutti gli interessati.

Sei alla ricerca di un donatore o co-genitore ?

Iscriviti!