Come mantenere un buon rapporto con il tuo co-genitore
5 (100%) 2 votes

Se siete co-genitori per scelta, avrai avuto il tempo di trovare una persona fidata e con cui la pensi allo stesso modo con cui crescere il tuo bambino. Forse siete anche diventati molto amici nel corso degli anni. Se sei diventato co-genitore in seguito a un divorzio o una separazione, la situazione è un po’ diversa. È normale che gli ex partner abbiano sentimenti negativi l’uno per l’altro.

Che tu sia amico o meno del tuo co-genitore, mantenere un buon rapporto con loro può essere difficile. Un lavoro stressante, una vita frenetica, problemi personali, problemi con la famiglia o stanchezza: sono molte le ragioni che possono portare un buon rapporto a finire male, a litigi o semplicemente alla sensazione di allontanarsi gradualmente l’uno dall’altro.

Fortunatamente, ci sono alcune cose che puoi fare per mantenere la tua relazione con il tuo co-genitore. È importante per te, il tuo co-genitore, il tuo partner (se ne hai uno) e, naturalmente, tuo figlio. Perché sì, il benessere di tuo figlio è la tua priorità e quello di cui ha bisogno è vedere che i suoi genitori sono in buoni rapporti per sentirsi sicuro e felice.

La comunicazione è la cosa più importante

È bene ripeterlo: una comunicazione efficace è la chiave per una relazione di successo. Se non vivete sotto lo stesso tetto e condividete la custodia di vostro figlio, è importante condividere regolarmente le informazioni su di lui/lei con l’altro genitore. Ti aiuterà a sentirti pienamente coinvolto nella vita quotidiana di tuo figlio, anche quando non è il tuo turno di stare con lui/lei.

Ma non limitare gli argomenti di discussione alla vita di tuo figlio. Parla anche di te e dei tuoi interessi. Ciò manterrà e rafforzerà il legame che tu e il tuo co-genitore avete creato. Se il tuo co-genitore è anche tuo amico, assicurati di trascorrere spesso del tempo insieme, non solo sulla soglia della porta.

Parla, non litigare

Ci sarà un momento in cui non sarete d’accordo su alcune cose, che si tratti di disciplina o di pigiama party. Tutte le coppie di genitori hanno dei momenti di disaccordo di tanto in tanto. È perfettamente normale. Quello che conta è il modo in cui gestite le vostre divergenze di opinioni. Quindi, prima di iniziare una discussione con il tuo co-genitore perché (secondo te) ha fatto qualcosa di sbagliato, discuti il problema con lui/lei con calma. Cerca di capire perché hanno fatto quello che hanno fatto ed esprimi il tuo punto di vista. Non è necessario alzare la voce e, soprattutto, non litigate davanti a vostro figlio.

Trovare un accordo sulle regole

Ogni genitore ha la propria nozione di cosa rende un genitore un bravo genitore, e tu e il tuo co-genitore probabilmente avete le vostre idee su come crescere il vostro bambino. Se state condividendo la custodia di vostro figlio, è meglio che raggiungiate un accordo in merito alle regole di entrambe le case. Non solo creerai un ambiente stabile per tuo figlio, ma ridurrai anche il numero di futuri disaccordi.
Quindi, siediti con il tuo co-genitore e discuti quali dovrebbero essere le regole su dieta, disciplina, premi, ora di andare a letto, ora del pasto, i pigiama party durante i giorni di scuola e il tempo trascorso al computer, alla tv o al telefono.

Seguite il vostro accordo scritto di co-genitorialità

Puoi facilmente evitare rabbia o risentimento nei confronti del tuo co-genitore semplicemente seguendo il vostro accordo di co-genitorialità. Creato preferibilmente prima del concepimento o almeno prima della nascita del vostro bambino (se siete co-genitori per scelta e non come risultato di una separazione), l’accordo di co-genitorialità serve a registrare formalmente, per iscritto, le tue intenzioni e i tuoi desideri riguardo l’educazione del vostro bambino. Le clausole di questo documento dovrebbero includere argomenti come gli orari di visita, chi si occupa principalmente del bambino e le decisioni riguardanti l’educazione o la spiritualità.

Annota gli orari

Una buona organizzazione significa tranquillità. Pianificare in anticipo consente di evitare qualsiasi malinteso su tutti gli eventi imminenti, i compleanni o le visite. Annotare tutto ti aiuterà non solo a evitare dimenticanze, ma anche a determinare più facilmente chi ha ragione o torto, e servirà quindi a minimizzare bugie e le tensioni.

Prova a vedere le cose dal loro punto di vista

Quando non capisci la reazione o il comportamento del tuo co-genitore, prova a vedere le cose dal loro punto di vista. C’è una ragione per cui hanno fatto o detto ciò che hanno fatto/detto. La causa potrebbe essere un periodo di lavoro pesante, una discussione con il loro partner o semplicemente la stanchezza. Cerca di capirli. Mettersi nei loro panni può davvero aiutarti a vivere un rapporto migliore con loro.

Sii flessibile

Il tuo co-genitore fa bere a tuo figlio bibite gassate dopo le 8 di sera, nonostante sappia che sei contrario. Oppure lo lascia giocare ai videogiochi fino alle 10 di sera, mentre l’ora di andare a letto dovrebbe essere alle 9 di sera durante i giorni di scuola. A volte è meglio lasciar perdere. Dopotutto, anche il tuo co-genitore vuole il meglio per tuo figlio. Prima di arrabbiarti, chiediti se vale la pena di litigare con il tuo co-genitore oppure no.

Tuttavia, se ti rendi conto che il co-genitori continua a ignorare il vostro accordo iniziale e che (per esempio) permette a vostro figlio di bere bibite gassate ogni giorno, allora puoi valutare se parlargliene con tatto.

Riunire la famiglia

Che si tratti di Natale, Capodanno, vacanze o fine settimana, riunisci regolarmente la famiglia: i co-genitori, tuo figlio, i rispettivi partner e magari anche i loro figli. Il tuo bambino sarà felice di trascorrere del tempo di qualità con i suoi due (o più) genitori.

Se di recente non avete avuto molto tempo libero per parlare tra di voi, una riunione di famiglia è un’ottima opportunità per riconnettersi con il tuo co-genitore e per aggiornarvi sulle ultime notizie.

Siate disponibili ad aiutarvi a vicenda

Ultimo consiglio: puoi costruire un ottimo rapporto con il tuo co-genitore accettando di aiutarvi a vicenda. Potreste, per esempio, accettare di farvi da baby sitter l’un l’altro e di essere disponibili a occuparsi dei bambini quando avete un impegno o appuntamento. Ciò ti consentirà di risparmiare e ti farà piacere quando l’altro co-genitore restituirà il favore.