Cosa significa essere madre per la prima volta?
Vota questo post

Diventare madre per la prima volta può sembrare un’esperienza travolgente.

Quando si diventa madre per la prima volta ci si fa un sacco di domande su come sarà essere madre e qui ci sono solo alcune di esse:

Come faccio a instaurare un legame con mio figlio?

Potresti sentire il legame immediatamente, non appena il bambino viene alla luce. Se non succede non ti devi preoccupare poiché il legame tra di voi si instaurerà nel corso del tempo man mano che farai delle cose con lui, come dargli da mangiare, fargli il bagno e consolarlo e sentirai presto l’istinto di instaurare il legame.

Quando il bambino piange come faccio a sapere cosa vuole?

Sarà difficile in un primo momento, ma dopo un po’ imparerai a conoscere i diversi toni dei suoni del tuo bambino. Prima di tutto verifica che il bambino non abbia fame o che non si senta a disagio in un pannolino bagnato o che non sia semplicemente stanco. Per calmare un bambino ansioso la cosa migliore da fare è coccolarlo molto e farlo dondolare avanti e indietro.

L’allattamento al seno è il modo migliore per nutrire mio figlio?

L’allattamento al seno non è per tutte e se non puoi farlo o se non vuoi, non sentirti in colpa. Alcuni studi hanno dimostrato che molte affermazioni relative ai vantaggi dell’allattamento al seno non sono sempre vere. Se ti piace allattare al seno, continua a farlo fino a quando te la senti. Alcune donne amano molto allattare al seno ma lo stesso si può dire per i bambini nutriti col latte artificiale, che si sentono al sicuro tra le braccia della mamma.

Naturalmente, l’allattamento al seno è più semplice e non costa nulla, il che è un grande vantaggio. Hai una buona fornitura di latte alla spina e gratuito. Allattare artificialmente significa che bisogna prepararlo, riscaldarlo e una volta terminato pulire e sterilizzare gli strumenti.

Detto questo, una mamma che lavora potrebbe ritenere l’allattamento al seno scomodo e faticoso e potrebbe preferire l’allattamento artificiale. Un altro aspetto positivo dell’allattamento artificiale è che anche il partner, i familiari o gli amici possono aiutarti o diventare più coinvolti nella routine del bambino che otterrebbe così attenzioni da più persone.

Devo dare un ciuccio a mio figlio?

Alcuni studi hanno dimostrato che l’uso di un ciuccio riduce il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Le mamme che allattano al seno dovrebbero aspettare circa 3 o 4 settimane fino a quando viene stabilita la routine per l’alimentazione. Si ritiene che per il bambino sia meglio succhiare il ciuccio piuttosto che il pollice. Sebbene entrambe le cose possano danneggiare i denti del bambino, si ritiene che succhiare il pollice sia un’abitudine più difficile da interrompere; al contrario, è possibile rimuovere il ciuccio tra i 6 e i 12 mesi.

Tenere spesso in braccio il bambino è una cosa positiva?

Tenere in braccio il bambino ha un sacco di vantaggi e a tutti i bambini piace stare in braccio. È un ottimo modo per instaurare un legame. Puoi portare il bambino in giro con te durante la giornata in una fascia per bambini che lo farà stare tranquillo e rilassato. Se stai leggendo questo articolo di Catherine Pearson nel Huffington Post, scoprirai che ci sono diversi vantaggi nel tenere il bambino vicino a te e non solo per il bambino ma anche per te stessa e per il tuo partner.

Dovrei cullare il bambino per farlo addormentare?

Se è vero che può essere piacevole per la mamma o il papà, probabilmente non è una buona idea per il bambino perché potrebbe abituarsi a essere cullato e potrebbe non essere in grado di addormentarsi da solo in futuro. Anche quando dorme e si sveglia, potrebbe avere difficoltà a riaddormentarsi senza essere cullato. Il modo migliore per fare addormentare il bambino è aspettare fino a quando è assonnato e poi metterlo nella culla quando è ancora sveglio. In questo modo imparerà ad addormentarsi da solo e la vita sarà più facile anche per te.