La baby blues: cosa fare se si verifica
5 (100%) 1 vote

Hai appena dato alla luce il tuo bellissimo bambino e invece di essere elettrizzata come ti aspettavi piangi, sei irritabile e ti senti triste. Aggiungi a quei sintomi stanchezza, ansia, rabbia e sbalzi d’umore ed ecco qui: ti ritrovi con la baby blues.

Il problema è che purtroppo la maggior parte delle madri tiene per sé queste sensazioni. Potresti quindi avere l’impressione che nessuna delle tue amiche che ha avuto bambini abbia vissuto ciò che stai attraversando, il che a sua volta acuisce il tuo senso di colpa e di isolamento. Ma non sei sola. Questa forma di depressione post parto è molto comune e colpisce la maggior parte delle mamme, soprattutto quelle che diventano madri per la prima volta.

Ma non preoccuparti, ecco alcuni suggerimenti per aiutarti ad affrontare la baby blues.

Perché alle donne viene la baby blues?

Anche se non sappiamo ancora con esattezza cosa causi la baby blues, ci sono diverse spiegazioni. In primo luogo, il cambiamento ormonale che si verifica durante la gravidanza e dopo il parto può provocare sbalzi d’umore e depressione. Estrogeni e progesterone, infatti, diminuiscono drasticamente dopo il parto.

Inoltre, la stanchezza del travaglio e del parto, il sonno disturbato, la nuova routine, le esigenze del bambino, le difficoltà nell’allattamento al seno e la sensazione che la tua vita non sarà mai più la stessa sono tutti fattori che possono influenzare il tuo umore.

Aggiungi il senso di colpa o la sensazione di essere sotto pressione per sviluppare subito un legame con il tuo bambino, e il timore che il rapporto con il tuo partner non sarà lo stesso dopo il parto. Probabilmente non sei neanche contenta del tuo aspetto.

Per fortuna, queste sensazioni negative dovrebbero diminuire di intensità per scomparire entro due settimane dal parto. A questo punto, ti sarai gradualmente adattata alla tua nuova routine e finalmente ti sarai riposata un po’.

Quali sono i sintomi della baby blues?

La baby blues è più comune di quanto pensiamo, poiché colpisce il 70-80% delle donne dopo la nascita del loro bambino. In generale, i sintomi si manifestano da 4 a 5 giorni dopo il parto, ma alcune donne iniziano a percepire gli sbalzi d’umore un po’ prima.

Quando succede, le nuove madri potrebbero sperimentare crisi di pianto improvvise, rabbia, frustrazione, irrequietezza, tristezza, senso di solitudine, sbalzi d’umore, ansia, difficoltà a dormire e stanchezza generale.

A seconda della persona, alcune sperimenteranno questi sintomi per qualche minuto ogni giorno, mentre altre dovranno sopportarli per diverse ore.

Come affrontare la baby blues?

Il modo migliore per affrontare la baby blues è parlare con qualcuno delle tue sensazioni negative, che sia il tuo partner, il tuo co-genitore o tua sorella. Molte donne non condividono le loro sensazioni, con l’unico risultato di accrescere il senso di isolamento. La tua famiglia, i tuoi amici o la doula di nascita che hai assunto possono prendersi cura di te e aiutarti a guarire. Accetta gli aiuti che ti vengono offerti, che si trati di cucinare, stirare o mettere ordine in casa. È importante, perché così non passerai questo periodo difficile da sola.

Anche fare attenzione alla tua dieta può aiutarti ad affrontare la baby bluyes. Quello che mangi può influenzare il tuo umore. Tienilo presente e cerca di mantenere una dieta sana ed equilibrata. Non ti preoccupare, puoi concederti qualche sfizio e mangiare un po’ di cioccolato (o una fetta di torta), ma non troppo spesso!

Un altro modo per sentirsi meglio è distrarti dai pannolini e uscire all’aria aperta. Allontanarsi da casa per un po’ può avere un ottimo effetto. Porta il tuo bambino a fare una passeggiata o vai a trovare i tuoi amici, come preferisci, ma cerca di uscire almeno una volta al giorno. Prendere un po’ d’aria e godersi un nuovo ambiente possono migliorare moltissimo il tuo umore.

Coccolati. Dopo tutto, hai dato alla luce un essere umano! Scegli qualsiasi cosa possa farti stare bene, che si tratti di una bella cena con il tuo partner con candele e tutto (in un ristorante o a casa), un nuovo portafoglio (acquistato su internet o al centro commerciale), un massaggio (fatto dal tuo partner o da un professionista), o anche solo una lunga doccia calda.

Infine, non metterti troppa pressione. Ricorda che non fa niente se le cose non sono perfette. Non esisteno genitori perfetti, nè bambini perfetti. Hai bisogno di un po’ di tempo per riprenderti dal parto, per imparare il tuo nuovo ruolo di mamma e adattarti ai nuovi compiti che ti aspettano, come l’allattamento al seno.

Ti senti depressa da più di due settimane? Potrebbe essere qualcosa di più grave della baby blues: parlane col tuo medico!

2 Condivisioni