• implicazioni legali della donazione di seme

    Pubblicato da ___deleted-user SU 31 Gennaio 2013 a 18:11

    ciao, vorrei sapere come si fa a tutelarsi in caso di bambino nato grazie a una donazione di seme tra privati, fai-da-te.

    sia da parte del padre biologico, che non vuole essere obbligato a contribuire alle spese di mantenimento.

    sia da parte della madre biologica e del padre affettivo, che non vogliono rischiare che il bambino venga portato via.

    come funziona la vicenda da un punto di vista legale? ci si può mettere al riparo da un ricorso in tribunale e test del DNA, magari anni dopo la nascita?

    spero tanto che possiate darmi qualche indicazione… grazie.

    ___deleted-user rispose 11 anni, 3 mesi 1 Membro · 2 Risposte
  • 2 Risposte
  • ___deleted-user

    Membro
    8 Febbraio 2013 a 17:29

    Io penso che la miglior tutela sia quella di scegliersi bene i propri interlocutori. Diciamo che è un atto di fiducia sia da parte di chi dona, sia da parte di chi riceve questo dono. Una quota di fiducia va anche riposta nel buon senso del sistema giudiziario nel caso le cose non dovessero andare come ci si aspetta. Quello che è certo è che la malfidenza non può generare di sicuro una nuova vita. Auguri! ;)

  • ___deleted-user

    Membro
    18 Marzo 2013 a 14:10

    Come è stato scritto, ci vuole fiducia ma anche un pò di buon senso.
    Bisogna valutare sempre quanto rivelare di se e dei propri dati personali (per esempio io, donatore con 3 successi, non ho mai rivelato dati strettamente personali come cognome, indirizzo ecc..)

Accedi per rispondere.